JAM

<!--StartFragment-->

"Dieci tracce, dieci piccole storie nate dalla penna e dalla fantasia di Valerio Piccolo, un italiano a New York. 'Manhattan Sessions' è dunque il frutto dell'esperienza maturata oltreoceano da Piccolo, che ha a lungo collaborato con Suzanne Vega come traduttore, anche sui palchi. Le danze si aprono con 'Quanto dura un'ora', brano musicato con accompagnamento minimale, in cui è il testo a conquistare la ribalta. La voce di Piccolo scandisce parole in un italiano che arriva al cuore senza la necessità di essere urlato. Lo dimostra ottimamente sia la successiva 'Tempo al tempo', in cui la dolcezza del testo è accompagnata dall'ottimo connubio di strumenti elettrici ed elettrici, sia soprattutto 'La chiave del regno', brano tanto malinconico quanto curato musicalmente e liricamente. In certi frangenti Piccolo canta sussurrando, o sussurra cantando, senza cercare facili melodie o riff armonici accattivanti. Eppure, in un modo o in un altro, queste canzoni rimangono nell'orecchio. La cover di 'In Liverpool', di Suzanne Vega, è l'ideale chiusura del cerchio per un buon lavoro d'esordio".


(***) Davide Zucchi