Rispondi al commento

DIARIO DE ABORDO / 1: Perdido In Translation

Perdidos en Tokio. In America Latina l’hanno tradotto così, lo stupendo Lost in Translation di Sofia Coppola. Mah…

Quando mi sono messo a pensare al modo in cui mi piacerebbe introdurre e raccontare in spagnolo le mie canzoni, a partire da stasera, in questo emozionante inizio del DeTour 2015, mi sono perso un po’ pure io – sorridente – a godere della musicalità della traduzione di “The Shooting Stars”, la canzone che voi conoscete in italiano come “Pioggia di stelle”.
Vorrei raccontare di questa passeggiata a Long Island a guardare le stelle che cadono e ho pensato che qui si dice proprio così: “Lluvia de estrellas”. E a me piace sempre un sacco, quando trovo in altre lingue espressioni usate esattamente come le usiamo noi. Non so perché. Mi fa sorridere.

Subito dopo, però, il sorriso mi si è smorzato, quando ho pensato che lluvia è la parola che più è stata utilizzata da quanto frequento il Pais Vasco. Non fanno altro che pronunciarla, quando mi vedono. Quasi a scusarsi. Perché qui non è che piove. No. Qui piove SEMPRE!!!

Quanto mi piace, però, il Pais Vasco. E quanto mi dispiace che, tra le prove del mese scorso e questo iniziale tour de force, sia riuscito a conoscerne meno di quel che volessi. Ma ci sarà ancora tempo.

Di questi giorni di vigilia mi porto dentro il concerto numero zero (un vero e proprio living-room concert suonato ieri per una parte della deliziosa famiglia Ugarte), l’immancabile sidra, e l’intervista radiofonica in castigliano, la prima della mia vita, che doveva durare 3 minuti e invece è arrivata a 10.
Nessun idioma fermerà la mia logorrea! 

De Tour 2015 – Step 1 – Bilbao.

Stay Tuned!!

Rispondi

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
This question is for testing whether you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.
2 + 2 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.